Esperienze di Volontari

Silvana si racconta

Silvana si racconta
Di ritorno dall'Angola Silvana ci ha parlato della sua esperienza a Negage, Riportiamo un sunto del suo lungo e interessante racconto.
Ero partita con la speranza di rendermi utile. Suor Lucia mi aveva promesso che mi avrebbe trovato qualche lavoretto da fare.
A consuntivo non pensavo di dover ed essere in grado di lavorare tanto.
E' stato comunque un mese molto intenso sia di lavoro che di esperienze positive e nuove conoscenze.
Ho dovuto seguire quotidianamente la mensa per circa 30 persone;
non era facile trovare al mercato tutto quello che serviva;
mi sono specializzata nel realizzare dolci senza tutti gli ingredienti che normalmente si trovano da noi come zucchero uova e farina;
ho inventato un nuovo tipo di cioccolato, risultato gustosissimo per tutti i bambini che ne andavano ghiotti.
Quotidianamente dovevo preparare 750 panini per la merendina degli scolari.
Ho avuto pure il tempo di istruire alcune ragazze nell'arte del cucito.
Mi sono anche divertita visitando dei posti meravigliosi, ma ve lo racconterò la prossima volta.
Silvana Tommasini














-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Nonno Egidio - il gigante buono

il sorriso di Egidio rilassa i bimbi

Tra i tanti volontari che abbiamo incontrato nel nostro ormai lungo cammino di volontariato, merita sicuramente di essere ricordato e portato ad esempio il nostro amico di Tesero, Egidio Giacomin, conosciuto con l'appellativo di "GIGANTE BUONO". Avere un cuore grande come il mondo, dispensare sorrisi a tutti, essere sempre in prima linea in ogni iniziativa di solidarietà, pronto ad affrontare lunghi viaggi pur di portare il suo aiuto e la sua esperienza di lavoro nei più remoti angoli della terra, sembra una cosa innata e naturale per il nostro Amico che non solo collabora con la Ns Associazione, ma anche con altre.
Non si contano più i viaggi in terra di missione, tanti sono i paesi che ha visitato sorretto da una volontà straordinaria e da una generosità senza confini, è l'esempio di un uomo che ha sempre dato, senza mai pretendere niente in cambio. Pensionati d'Italia, se siete ancora in salute ma vi sentite tristi o emarginati, guardate quest'uomo. E' un esempio di solidarietà per tutti. Lui ha scoperto come essere ancora utile a tanta gente. In un mondo che emargina gli anziani anche se ancora in forma, Egidio ci insegna che siete ancora in grado di dare qualcosa per gli altri.
                                                                              GRAZIE  EGIDIO
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La voce dei Soci 

Le impressioni di Oscar Mezzalira al ritorno da Bangui.

Saluti a tutti, cari amici e amiche. Siamo stati a Bangui nella Repubblica Centrafricana a lavorare ed anche a pregare durante la S.Messa.
Abbiamo conosciuto la semplicità delle persone Africane. abbiamo visto mamme e figlie lavorare molto per mantenere la famiglia, mentre gli uomini , spesso assenti si disinteressano della famiglia.
Nonostante ci fosse sporcizia ovunque, ognuno aveva la propria dignità ed un vestito pulito.
La domenica era sempre riservata alla preghiera nella Santa Messa e per fare festa.
Vi porto i saluti di tutti quelli che ho conosciuto in Africa.

Altri stralci di qualche riflessione ed esperienza raccontate dai nostri amici.

Romualdo Bottacin:

Vorrei tornare al più presto in Africa, per rivivere le emozioni che in parte ho dimenticato. Mi hanno colpito i bambini le mamme, lo stare insieme. Quando vedevo Africani dicevo, ma cosa vengono a fare qua ? Ora ho
capito che devono venire perchè la muoiono e soffrono e qui cercano un riscatto.

Lorenzo Vedoato :

Il primo impatto con l'Africa è stato duro, dopo ho capito che gli Africani nella loro povertà sono un popolo pieno di rispetto per tutti. Non immaginavo una cosa del genere. La partecipazione della gente, il saluto. Quando cammini lungo la strada ti guardano sempre negli occhi non fingono di non vederti, non guardano mai per terra e ti obbligano a salutarli. Con l'amico Oscar abbiamo visto due mondi due Afriche. Una composta dalle Associazioni e dai Religiosi ed una composta dalle persone che vivono nelle capanne. Due realtà in contrasto tra di loro.

Moreno Peloso:

In Africa non hanno niente e sono contenti, noi in Italia abbiamo tutto e non siamo felici. Non siamo capaci di volerci bene, a volte anche non siamo capaci di salutarci.

Silvano Reginato:



Dopo le mie due esperienze belle e profonde fatte in Africa sono entrato in crisi, anche se la mia è una crisi positiva. Ora vivo qua, ma ho la certezza di fare altre esperienze. Qui mi sento fuori posto, non riesco a cambiare come vorrei. Si fa fatica a spiegare le tante ingiustizie e ancora più fatica a cambiare.

Luciano Agostini


L'Africa mi ha insegnato che qui non abbiamo più il coraggio di esternare le nostre emozioni.

Graziella Pattaro:




Piacerebbe anche a me andare in Africa, ma l'ascolto dei racconti di chi è stato me la fa sentire vicina e la vivo lo stesso. Mi entusiasma lavorare per un ideale.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------


La voce dei Soci

L'8 gennaio 2008, nel corso della prima assemblea mensile il Coordinatore Terzo Pattaro, ha chiesto ai presenti se erano disponibili a raccontare le loro esperienze vissute con l'Associazione nel corso del 2007. Ecco le risposte.

Massimiliano - per me il 2007 è stato l'anno zero. Dopo tanti anni di attività all'interno dell'Associazione, con mia moglie ho voluto fare la mia esperienza in Africa e come tanti altri, sono cambiato in positivo.

Monica - ho fatto una bellissima esperienza con mio marito ed il mio primo anno di bilancio è stato importantissimo per la svolta interiore che il viaggio mi ha provocato. Da agosto ad oggi, ho visto tanti volontari che con poco. tutti assieme, riescono a fare molto. E' bello far parte di un gruppo che ha entusiasmo.

Anacleto 



 quest'anno  ho potuto dare poco all'Associazione, per altri impegni famigliari e con la parrocchia ma le sono sempre vicino e ho tanta voglia di tornare in Mozambico perchè voglio contribuire all'avvio della falegnameria di Nampula.

Romualdo - Sono felice per l'accordo che c'è all'interno dell'Associzione. Ho in programma di tornare in Mozambico assieme a Renzo per contribuire come maestro d'arte, all'avvio della falegnameriadi Nampula.

Silvia 

ogni volta che torno a casa dagli incontri con voi, sono più ricca. La spontaneità e la purezza all'interno del gruppo mi assicura del buon esito di tutte le iniziative.

Silvana - il gruppo, ha una grande voglia di stare insieme, è cresciuto in breve tempo. Sono aumentate le attività svolte,ma con piacere vedo che è molto cresciuta la disponibilità di tanti amici. Alcuni si sono anche assunti la completa responsabilità di seguire qualche iniziativa. E' grazie a questa disponibilità che non ho più paura di affrontare qualsiasi nuova proposta. Devo anche dare atto che oltre alle solite persone note, ce ne sono molte altre che lavorano in silenzio senza essere viste e conosciute presso la casa di Graziella e di altre famiglie.

Gabriella 


Mi piace questa Associazione perchè tutti sanno quello che si fa e tutti possono controllare come vengono gestite le entrate e le uscite. Sono orgogliosa e felice di farne parte anche se a volte mi è difficile essere disponibile, ma è bello.

Moreno - Quest'anno sono stato poco operativo ma ho tanta fiducia nei soci che reputo persone sane, che lavorano con tanto altruismo.

Mario Gigli 

 legge una bellissima lettera di Maurizio, suo compagno di viaggio in Centrafrica che parla dell'intensa esperienza vissuta assieme coinvolgente e per certi versi imbarazzante, dalla quale ritengono di aver imparato molte cose nuove; fa poi sentire il canto di accoglienza dei bimbi che ha avuto la fortuna di visitare a Bangui.

Elisabetta - E' la prima volta che partecipo alle vostre riunioni e sono qui perchè mi è sempre interessata l'Africa e vorrei fare un'esperienza. Da fuori posso dire che la vostra Associazione si sta facendo conoscere ed apprezzare per le sue attività.

Lidia - partecipo volentieri all'iniziativa  focacce fra amici, anche perchè mi trovo in buona compagnia. Sono disponibile anche quest'anno.

Silvano - Aderisco fin dalla fondazione al gruppo nel quale mi trovo molto bene. Mi piace constatare che tutte le difficoltà vengono sempre superate. Faccio parte di altre Associazioni di Volontariato ma questa è quella che mi gratifica di più perchè vedo tante persone trasparenti e vi partecipano molti giovani e per me, questa è la cosa più bella. Per quanto riguarda le attività svolte in Africa , io sarei più per la realizzazione di piccoli progetti più che per quelli grandi, ma va bene lo stesso perchè facciamo comunque del bene agli altri e a noi stessi.

Pino e Fernanda - Siamo presenti per la prima volta questa sera ed abbiamo piacere di avervi partecipato, perchè io Fernanda voglio fare un'adozione a distanza e mio marito Pino vuole fare un'esperienza in Africa.

Oscar -  Sognavo l'Africa da venti anni e due anni fa ho realizzato il sogno che mi ha cambiato la vita. Invito tutti a fare questa esperienza perchè il risultato è sempre positivo, sopratutto per le grandi difficoltà che si devono superare.

Francesco 

 Fra gli amici ho trovato la mia giusta dimensione ed ho scoperto una buona Associazione. Sono felice perchè sono convinto che sto realizzando quello che mio fratello non è riuscito a fare. Il viaggio che ho fatto in Africa, ha messo ordine nella mia vita. Ho tanti impegni ma faccio volentieri quello che posso per l'Associazione. Spero che nessuno mi chieda di fare qualcosa in più. perchè mi dispiacerebbe non poterlo fare.

Renzo - Sono un ammiratore esterno del gruppo e mi considero uno zio dell'Associazione. Sto partecipando  al corso di  francese perchè ora che sono in pensione voglio fare un'esperienza in Africa. La recente recita teatrale dell'Epifania per me è stata una grande manifestazione del coinvolgimento che l'Associazione ha saputo crearsi attorno.

Terzo - Quando ho fatto il primo viaggio in Africa nel 1988 non pensavo affatto ad una associazione di volontariato e quando l'ho fondata con Carla Pagani ed altri nel 2000, non pensavo che avrebbe lo sviluppo che ha oggi. Grazie a tutti.


------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Monica e Massimiliano


Io sono Massimiliano e lavoro nel ramo assicurativo e io sono Monica e lavoro nella revisione contabile. Siamo una coppia di neo sposi e l'8 agosto del 2007 abbiamo intrapreso un viaggio che ci ha cambiato la vita....siamo andati nella Repubblica Centrafricana.
La domanda che ci viene fatta più stesso è: "Cosa avete fatto!?"
Quando raccontiamo ciò che abbiamo fatto, ci sembra troppo poco per descrivere la marea di emozioni che per quindici giorni ha attraversato il nostro cuore!
Ci piacerebbe una domanda del tipo: "Cosa vi ha lasciato l'Africa?"

Uno degli aspetti che più ci hanno colpiti di questo paese è l'accoglienza. Pur non avendo niente di materiale, pur non conoscendo la persona che in quel momento hanno davanti, per loro è importante farti sentire a tuo agio e accoglierti nel miglior dei modi. La naturalezza con la quale ciò accadeva era stupefacente. Ci siamo sorpresi a piangere per piccoli gesti di gratitudine, ci siamo sorpresi nel renderci conto che nei nostri paesi si è imbarazzati a salutare un estraneo perchè in quel momento riteniamo di avere cose più importanti da fare e pensare. A Dekoà nella foresta con le Suore Ruandesi o nella capitale con le Comboniane, non cambia nulla, il saluto è la scusa per un sorriso.
Tornati a casa, con meraviglia abbiamo involontariamente scoperto questa ovvietà. Salutiamo tutti (o quasi) e a sorpresa, riceviamo sorrisi. Allora è vero:"Possiamo riscoprire la semplicità".
Un nostro amico Prete ci ha detto che l'Africa ci resta dentro perchè è pura, e colpisce una parte del nostro animo e del nostro cervello che non viene utilizzata. Noi aggiungiamo che colpisce la nostra parte più pura. Sarà per questo che ci ritroviamo ancor oggi a vivere in maniera più profonda l'Associazione e ciò che fa.
Una volta non potevamo credere alle parole di Terzo, di come con entusiasmo e coinvolgimento ci parlava dell'Africa e delle persone che l'abitano.
Noi un pò provocatoriamente un pò superbi gli domandammo come lui faceva ad essere così malato d'Africa e come poteva trovare Dio in un luogo dove la gente muore e dove la vita media è di 40 anni. Lui ci disse con un leggero sorriso: Quando ci andrete lo capirete, ma sappiate che Dio è proprio lì". Ebbene siamo andati e ci siamo trovati con quella stessa risposta: Dio è in tutto ciò che abbiamo visto. Ma dovessero chiederci il  perchè, oltre a rispondere come Terzo diremo anche che descrivere questo è impossibile, perchè descrivere l'Africa è come descrivere un flash. E' come un'immagine che ti illumina per qualche millesimo di secondo e ti resta nel cuore per sempre. Così allora cosa abbiamo fatto? Abbiamo continuato i progetti dell'Associazione con l'adozione di bambini a distanza, il centro  handicappati, il progetto donna, la scolarizzazione....e tanti altri. Conserviamo immagini che con la ragione non si riescono a spiegare, come non si riesce a spiegare perchè siamo così attaccati a questo paese che non ha nulla di razionale. Continuiamo a chiederci senza spiegazioni perchè quegli occhi siano penetrati così a fondo in noi.
Ci siamo innamorati della pura irrazionalità: Continuiamo a sognare il momento in cui torneremo tra quella gente che continua a morire, che continua ad essere felice così com'è senza chiedersi il perchè.
Anche noi dobiamo cominciare a farci meno domande ed accettarli così con le loro danze, con le loro tradizioni così misteriose che ci portano indietro nel tempo e ci catturano.
                                                                                          Monica e Massimiliano
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
ESPERIENZA DI VOLONTARIATO



Non solo soldi ma anche lavoro -
 Quelimane luglio/agosto 2006

Anche nel 2006 alcuni nostri volontari hanno utilizzato le loro  ferie per completare una struttura a servizio di una Missione di Quilimane in Mozambico.

Qualche notizia sulla città

Dopo l'esperienza vissuta dal folto gruppo di Amici in Alto Moloque (Mozambico), fra il 2005 e il 2006 un altro gruppo fra i quali Luciano, Moreno e Giovanni è ripartito per una nuova esperienza, sempre in Mozambico ma questa volta a Quilimane. La città conta oltre 200.000 abitanti ed è un importante porto fluviale. La maggior parte della popolazione vive nei barrios,  quartieri periferici dove le abitazioni sono case o capanne costruite con fango e canne, col tetto di fronde di palme.
Il problema principale per la popolazione è l’alto tasso di malati di SIDA (AIDS), sopratutto bambini. E’ molto diffusa anche la malaria nella stagione piovosa ed il colera soprattutto per mancanza di una struttura fognaria.

Le nostre impressioni

Al nostro arrivo l'incontro con i Missionari  ed i volontari che operano a Quelimane,  ed in particolare con la Dott.a Lucia Franceschi, è stato caloroso e gioioso.
Il nuovo mondo con cui siamo entrati in contatto ci ha coinvolti sia mentalmente che emotivamente.
La quotidiana convivenza con la realtà locale, il lavoro di gruppo con gli africani per il completamento di un fabbricato da utilizzare come alloggio per i volontari, ci ha calati in una dimensione da tempo dimenticata nel nostro mondo: L’ essere legati all'essenzialità

Che dire della cronica  mancanza d'acqua, del seguire la preparazione del pranzo in condizioni primitive, vederli lavorare scalzi in mezzo al cemento. Nonostante tutto, per noi avevano sempre un sorriso.Quanta tenerezza i bambini che vivono nel BARIO (ghetto) e si dividono tra l'accudire i fratelli minori e la scuola,  che suddivisa in più turni,  inizia alle sette del mattino per finire alle sette di  sera. Solo al momento del ritorno ci siamo resi conto che l' Africa ci aveva cambiato. Ci è sembrato strano rivedere tutti i nostri familiari, ad una velocità diversa, tanto che per alcuni mesi continuavano a dire che fisicamente eravamo qui ma la mente era rimasta in Africa.
Luciano al lavoro con un operaio
L'amico Giovanni

Moreno con un bambino del barrio

Un grazie a tutti da Luciano, Giovanni e Moreno
----------------------------------------------------------------------------------------------------

Nessun commento:

Posta un commento

grazie per il commento a questo post